Sono state sequestrate nell’ambito di un’operazione Europol contro il traffico di medicine contraffatte, oltre 4,4 milioni di unità di farmaci, smantellati 37 gruppi criminali organizzati, arrestate 121 persone, e chiusi 2500 link online. Lo rende noto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, su Twitter mettendo in guardia: «Le nostre paure per il coronavirus sono un’opportunità di business per i cybercriminali». 

Coronavirus Lombardia, Fontana: presto per parlare di trend positivo. Gallera: resistere ancora 15 giorni
Coronavirus, rinviati i Giochi 2020: è la prima volta nella storia dal 1896 ad oggi

«Prima di comprare farmaci o articoli medici on line pensateci «due volte», perché le truffe via Web sono in crescita e l’articolo sanitario più venduto oggigiorno per via telematica sono le «mascherine chirurgiche contraffatte»., sottolinea von der Leyen, in un videomessaggio pubblicato su un social network. «Per ridurre la diffusione del coronavirus – dice von der Leyen – dobbiamo semplicemente restare a casa. Non possiamo andare in giro, incontrare altre persone, socializzare. Pertanto, la gente fa telelavoro e passa molto tempo online». «Purtroppo – continua – i criminali se ne approfittano: ci seguono online e sfruttano le nostre preoccupazioni per il virus. La nostra paura diventa la loro opportunità per fare affari: secondo le nostre agenzie Ue, la quantità di crimini informatici nell’Unione è cresciuta». 

«Con il coronavirus, la cybercriminalità ed il numero di medicinali falsi sono in aumento. I criminali sfruttano le nostre paure- spiega von der Leyebn – Stamani ho parlato col direttore di Europol. Con i nostri governi e le agenzie europee, facciamo tutto il possibile per proteggervi dai medicinali contraffatti».

Nel 2016 il commercio internazionale di prodotti farmaceutici contraffatti ha raggiunto i 4,4 miliardi di euro e il costo a carico dei governi dell’Ue per il mancato gettito derivante dai medicinali contraffatti si aggira intorno a 1,7 miliardi di euro. Lo riporta uno studio dell’Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) realizzato in collaborazione con l’Organizzazione per la cooperazione de lo sviluppo economico (Ocse) che stima la perdita di 80 mila posti di lavoro per contraffazione nel settore farmaceutico dell’Ue e in altri settori connessi.

Ultimo aggiornamento: 15:35


© RIPRODUZIONE RISERVATA





Source link

You must be logged in to post a comment.